Virginia sui rifiuti la racconta così

“I rifiuti a Roma? Sono infuriata”. Virginia Raggi, da un anno in permanente campagna elettorale, si smarca completamente dall’emergenza spazzatura di Roma. Sceglie la strada del “non è colpa mia”, mettendo da parte, senza colpo ferire, anni di promesse, progetti, fallimenti. Bugie e omissioni per una narrazione spregiudicata da dare in mano ai suoi follower per discolparsi dal più evidente fallimento della sua gestione.

Uno storytelling che disconosce i proprio validi programmi elettorali e che legittima inversioni ad U sul tema rifiuti difficilmente perdonabili da un elettorato che ha fatto dell’ambiente e della sostenibilità una delle proprie stelle e da un partito, il M5s, che è al potere puntando tutto sulla transizione ecologica.

Raggi è infuriata e chi lavora per lei, Federica Angeli, adombra lo spettro del complotto contro la sindaca. Ovviamente su facebook, omettendo quanto fatto (e fallito) in questi anni. Perché ai follower non non vanno date informazioni corrette e complete, vanno date armi per poter dire che non è mai colpa di Raggi ed è sempre colpa di qualcun altro.

Leggi l’articolo di Matteo Scarlino su Roma Today.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *