Metro C, in ritardo di quattro anni

Quattro anni ancora di attesa, maxi proroga di una delle poche grandi opere rimaste a Roma per tentare una difficile risalita. Risalita da un presente francamente avvilente ( e non saremo solo noi a provare una grande tristezza per questo), dove il ruolo dell’inefficienza dell’Amministrazione in carica è decisivo e inconfutabile.

Roma Metropolitane, stazione appaltante del progetto, parla espressamente, non smentita e non smentibile, di “disconoscimento dei ritardi attribuibili al contraente generale”.

Non si gestisce un’opera del genere con la mentalità, permetteteci, dei giardinetti e delle rotonde, ci vogliono polmoni di altra capacità per far accadere le cose. E non prendiamocela con i ritrovamenti archeologici, per favore, quelli sono un valore aggiunto, non un ostacolo, per chi sa condurre Roma.

Leggi l’articolo di Ginevra Nozzoli su Roma Today

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *