Il flop dello stabilimento urbano a Villa Pamphilj

Il flop dello stabilimento urbano a Villa Pamphilj

Ancora uno spreco di soldi pubblici per un progetto fallimentare. Un’iniziativa che avrebbe potuto avere qualche speranza se non fosse partita quantomeno troppo tardi quando per il grande caldo i prati son ormai bruciati.

L’Associazione per Villa Pamphilj, che vigila sulla Villa storica: “Abbiamo monitorato e scattato foto allo stabilimento per due settimane, dalla sua apertura l’1 agosto e fino al 14, variando gli orari in maniera da avere una panoramica riferibile alle diverse ore della giornata e in quei sopralluoghi abbiamo rilevato solo sporadiche presenze: il 2 agosto solo 4 persone, il 5 una, il 6 due persone a fare yoga, l’8 ben 3. Il 9 agosto 2 persone, il 12 agosto una”.

Leggi l’articolo di Valentina Lupia su La Repubblica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Privacy Policy Cookie Policy